Cosa differenzia KMA: i dettagli che contano

La scelta della Scuola con cui praticare uno sport è la base su cui costruirai le tue conoscenze, dagli importanza

Molte sono le scuole di piccole o grandi dimensioni che propongono il Krav Maga al giorno d’oggi e sono facilmente reperibili in rete immagini o video che mostrano svariati insegnanti, allenamenti o “tecniche di Krav Maga”. Però spesso, ad un occhio esperto, l’allenamento proposto o le tecniche insegnate presentano evidenti e gravi lacune.

 

C’è infatti un’ enorme differenza tra imparare realmente a difendersi con il Krav Maga o trascorrere 90 minuti in palestra credendo di imparare a difendersi.

 

In 10 anni di esperienza abbiamo osservato che il panorama attuale del Krav Maga tende a quasi sempre a proporre corsi ingannevoli, con una difesa personale poco reale e quindi poco efficace, principalmente per questi motivi:

 

  • Situazioni troppo statiche, che quindi non rappresentano le realtà di uno scontro vero da strada (basta osservare in rete video di veri scontri metropolitani).
  • Partner eccessivamente collaborativi, non combattivi che si arrendono subito e che rischiano di abituare l’Atleta a non dover affrontare contro-reazioni differenti o a cercare la distanza di sicurezza dopo aver reagito (ad esempio dopo un disarmo).
  • Aggressioni improbabili e poco “convinte” come ad esempio un aggressore che sferra una sola coltellata e per giunta a velocità ridotta. (sappiamo invece che chi aggredisce sferra generalmente numerose coltellate in rapida sequenza).
  • Mancanza di stress allenamenti che vedono i praticanti applicare le tecniche in situazioni eccessivamente tranquille, distanti anni luce da quelle situazioni adrenaliniche e stressanti che invece contraddistinguono una reale aggressione da strada. E’ impossibile imparare a sopportare e gestire lo “stress da evento critico” senza averlo prima metabolizzato in allenamento.
  • Considerare che le tecniche applicate saranno sicuramente vincenti. Uno degli errori più grandi è proprio dare per assodato che la reazione applicata sarà vincente. Purtroppo non è assolutamente così. La vittima potrebbe sbagliare qualcosa o l’aggressore applicare una controreazione non prevista. In questo modo l’allievo non imparerà mai ad adattarsi alla situazione ed ad optare rapidamente per una reazione differente da quella iniziata.
  • Mancanza di insegnamento di tecniche “Police” è infatti sbagliato dare per assodato che l’Atleta sarà solo al momento del pericolo. Potrebbe essere in compagnia di moglie o figli, pertanto è probabile che abbia necessità di bloccare il criminale a terra dando tempo ai propri cari di mettersi in fuga o chiamare aiuto. Spesso le tecniche ad uso delle Forze di Polizia non vengono insegnate in quanto non fanno parte del bagaglio tecnico degli istruttori, formatisi a loro volta in ambito civile.

 

KMA è diversa. Ci siamo sempre distinti nel panorama del Krav Maga per il realismo del training e per l’efficacia delle tecniche proposte, estremamente semplici ma proprio per questo di reale applicazione. In KMA diamo priorità alla rapidità di ragionamento e di adattamento piuttosto che all’impulsività dei muscoli.
Probabilmente è per questo che le riviste di settore, rivolte ai professionisti, affidano a KMA la firma di articoli dedicati alla difesa personale o perchè KMA è stata scelta da alcuni reparti Antiterrorismo dell’Arma dei Carabinieri come valida integrazione all’addestramento dei propri uomini.
Testimonial by Manuel Spadaccini
Dinamismo, semplicità, realismo, efficacia, gestione dello stress, ragionamento. Queste sono le parole chiave dei training KMA. Scopri cosa significa allenarti con noi, impara a difenderti realmente.
Manuel Spadaccini
Fondatore e Direttore Tecnico KMA